Tempo di lettura: 2 minuti
Come guadagnare con la digital art e gli NFT

Come guadagnare con la digital art e gli NFT? Ti diverti a creare immagini, musica, piccoli video e vuoi alimentare economicamente la tua passione? Vediamo se troverai qualche spunto interessante da questo articolo.

Piccolo ripasso: cosa sono gli NFT?

Abbiamo già parlato di cosa sono gli NFT, ma un piccolo ripasso non guasta mai.

NFT sta per non-fungible token, cioè gettoni non intercambiabili, unici. Essi agiscono come una sorta di “timbro notarile” sui documenti digitali (che siano immagini o testi o suoni) e la blockchain agisce come “catasto”.

Produci il tuo contenuto di arte digitale e lo “timbri” con un NFT. Ma attenzione: questa pratica non previene dal plagio o peggio dalla copia non autorizzata. Serve per rendere unico il tuo oggetto digitale: esso può essere sempre duplicato, ma solo la tua copia originale ha quel token riconosciuto da tutta la blockchain. Nessun’altra.

Come si fa a guadagnarci?

Arriviamo finalmente a capire come si fa a guadagnare dalla digital art tramite l’utilizzo degli NFT? Chiarisco subito che qui non si parla di guadagni speculativi, cioè quelli (legittimi) provenienti dalla compravendita di opere, ma di quelli provenienti dalla creazione di contenuti.

Intanto: da dove viene il valore di un NFT? Come tutte le cose il valore non è insito nell’oggetto stesso ma viene invece assegnato da persone che lo ritengono prezioso, dalla domanda del mercato.

Questo è ancora più evidente quando l’oggetto in questione è unico o appartiene a una serie limitata. Proprio perché in questi casi intervengono questioni emotive, non necessariamente legate al valore intrinseco dell’oggetto in sé, ma più al gusto, al piacere di possedere quell’oggetto anziché un altro. Si pensi, per avere un confronto, alle aste per l’acquisto di quadri originali di Picasso o Van Gogh.

Ho visto le quotazioni degli NFT: sono clamorose!

Ecco. In questo momento storico molto probabilmente siamo di fronte a a una piccola bolla speculativa, ma non per questo ci si deve sconfortare. Semplicemente è molto probabile che il mercato si assesterà prestissimo ai livelli che deve avere per “natura”.

E’ chiaro che non basta fare un disegnino e caricarlo su una piattaforma di scambio di NFT (es. Opensea) per guadagnare 10 mila euro. In generale, proprio come per tutte le arti è necessario proporre “oggetti” che abbiano un valore estetico o espressivo rilevante per poter raggiungere le cifre notevoli di cui si sente parlare. Ma se uno sta già coltivando per conto suo una passione artistica perché non provare a vedere cosa succede?

Contattaci e ti consiglieremo sulla strada giusta da percorrere per divertirti a esplorare questo mondo nuovo… e chissà anche per guadagnarci qualcosina…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *