Tempo di lettura: 2 minuti

Da qualche anno si sta investendo molto sulla ricerca per migliorare le prestazioni delle auto elettriche.

Il motivo principale di questi studi è sicuramente quello ambiantale.

L’utilizzo in larga scala di questa tipologia di vetture migliorerebbe notevolmente la salute del pianeta Terra, poichè verrebbe drasticamente ridotto l’utilizzo dei combustibili.

Gli eccessivi tempi di ricarica

Tra i vari aspetti tecnici presi in analisi gli scienziati si sono concentrati maggiormente su quello che ha sempre impedito a questo tipo di auto di ottenere la fetta maggiore di mercato: i tempi di ricarica.

Attualmente il tempo necessario per fare “il pieno” ad una auto elettrica va dalle 12 alle 6 ore (carica domestica) o dai 20 ai 60 minuti (carica alla stazione di servizio).

Un tempo infinito, considerando che le macchine a benzina e a diesel impiegano in media dai 3 ai 5 minuti per riempire totalmente il serbatoio.

La rivoluzionaria batteria di StoreDot

Oggi, dopo molti studi, sembra che sia stata finalmente trovata la soluzione a questo enorme problema.

L’azienda israeliana StoreDot ha inventato un’innovativa batteria agli ioni di litio che si ricarica totalmente in 5 minuti.

Il segreto della potenza della nuova batteria sta nella sua composizione: al posto della grafite è stato utilizzato il germanio, che ha diminuto il surriscaldamento e ha aumentato la rapidità nella ricarica.

Purtroppo, visti gli elevati costi di realizzazione, le nuove batterie non sono adatte per la commercializzazione.

Ma la Store Dot non si è fermata davanti a questo ostacolo.

I loro esperti si sono già messi al lavoro per costruire una nuova generazione di batterie che conterranno il silicone al posto del germanio.

I primi prototipi saranno ultimati entro la fine di quest’anno.

Ovviamente ci vorrà ancora qualche tempo prima di vedere le nuove batterie in commercio, perchè sarà necessario effettuare molti test nel mondo reale per avere la certezza di poterle utilizzare in tutta sicurezza.

QooboASK

Vuoi saperne di più?

Vuoi farci sapere la tua opnione sull’argomento?

Lascia pure un commento qui sotto!

Se vuoi leggere tutti i nostri articoli clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *